Finanza Personale
26/03/2018

Vivere di rendita: si può? quanto serve?

Smetti di essere vittima di banche!

Diventa un Investitore Consapevole con il nostro Piano Strategico!

 

 

Alzi la mano chi vuole smettere di lavorare e vivere di rendita?

Ok, mi sembra di capire che sia il sogno di molti, almeno a giudicare dai commenti all’interno del gruppo Facebook Gpinvest Community.

In questo articolo ti spiegherò cosa significa realmente vivere di rendita, come si può fare, e quanto denaro devi avere accumulato.

 

 

 

Definiamo cos'è una rendita!

 

Cos'è una rendita?

Fonte wikipedia: In economia, si definisce rendita il reddito percepito in virtù della proprietà di una risorsa naturale scarsa o aggiungo io: attività di investimento

Quindi la parole chiave è: possesso di un investimento (ad esempio un’impresa) o risorsa naturale scarsa (ad esempio un terreno coltivabile).

In altre parole, per avere una rendita dobbiamo acquistare qualcosa che produca un reddito chiamiamolo genericamente investimento.

 

 

 

Tipologie di rendita.

Ma quanto serve per vivere di rendita?

Cosa fare da domani per vivere di rendita?

 

 

 

 

Tipologie di rendita

  

Come avrai letto in altri miei articoli esistono varie tipologie di rendita perché ogni investimento ha caratteristiche diverse. Ad esempio:

  • Se hai un’impresa, un’attività commerciale questa mi auguro produca utili, e quindi può distribuire dividendi agli azionisti. Questa è una rendita

  • Se hai un appartamento e lo metti in affitto questo produce un reddito che è appunto l’affitto.

  • Se acquisti un’obbligazione che altro non è che un debito fatto nei tuoi riguardi, incassi periodicamente degli interessi su quel debito ed ecco un altro tipo di rendita.

Quindi ricapitolando, le principali fonti di reddito da rendita sono dividendi da azioni, affitti da immobili o interessi da obbligazioni.

Chiariamo che se si parla di immobili o imprese l’idea di incassare un reddito senza lavorare è tutta da dimostrare perché nel caso dell’immobile dovrai fare manutenzione all'immobile, gestire gli inquilini che magari non pagano...insomma un po’ devi lavorarci. Quando si parla di imprese, se compri un’azione apple non lavori, se invece compri una gelateria penso dovrai dedicarci del tempo.  

 

 

 

 

Ma quanto serve per vivere di rendita?

  

Come puoi capire quindi se vuoi smettere di lavorare, per poter vivere di rendita devi acquisire un patrimonio che produca un mix di queste tipologie di rendita. A questo punto penso ti starai chiedendo, si ma quanto devo accumularne?

In ambito finanziario esiste una regola, diffusasi prevalentemente negli stati uniti,  chiamata del 4% o del 25. Quando accumuli un patrimonio che è pari a 25 volte le tue spese annue puoi smettere di lavorare perché i tuoi risparmi producono sufficienti rendite da coprire le tue spese. In altre parole puoi prelevare ogni anno il 4% (1/25 equivale al 4%) dai tuoi risparmi e il portafoglio è teoricamente eterno. Non finisci mai i soldi perché la rendita che genera è superiore alla rendita che ti serve annualmente per vivere.

Facciamo un esempio: la tua vita costa 30.000 € all'anno? 30.000*25=750000 questo è il valore che devi accumulare per poter vivere di rendita.

 

 

 

 

Cosa fare da domani per vivere di rendita?

 

Immagino tu stia pensando 750.000€ è una discreta somma! E lo è!

Tra l’altro questo calcolo, che si fonda su diverse simulazioni fatte su vari portafogli di investimento negli stati uniti non considera: le tasse da pagare sulle rendite, periodi di crolli dei mercati come quello del 2009, l’inflazione etc…

Insomma è una formuletta che ci aiuta ad avere un’idea di quanto dobbiamo accantonare per poter vivere di rendita ma sicuramente è necessario fare i conti in modo preciso facendosi aiutare da un professionista.

L’importante è che tu capisca che vivere di rendita dipende da:

  1. il tuo patrimonio accantonato

  2. quando lo fai rendere, quindi lavora in modo che tutti tuoi risparmi siano messi nella condizione di produrre un reddito

  3. quanto conti di spendere una volta che smetterai di lavorare.

Le opzioni possono essere diverse:

Puoi prenderti poco rischio e puntare a spendere poco una volta che sarai senza lavoro oppure prenderti molto rischio per puntare a spendere di più. Non esiste una risposta giusta o sbagliata perché il giusto compromesso è risultato di scelte personali. Quindi adesso che sai cosa devi fare inizia a farti i conti in tasca e se lo ritieni raggiungibile inizia a lavorare subito per questo obiettivo. Prima inizi, meglio è!

 

 

 

 

 

chiudi
chiudi