Economia
20/12/2018

Tassa Patrimoniale: Perché non la fa lo stato?

Smetti di essere vittima di banche!

Diventa un Investitore Consapevole con il nostro Piano Strategico!

Qualche settimana fa ho scritto un'articolo sul rischio patrimoniale, sulla possibilità che in Italia viste le recenti tensioni sullo spread, sul debito pubblico, la commissione europea che richiede un'aggiustamento della manovra. Vista la recente tensione collegata all'Italia, sui giornali è circolata la notizia di una patrimoniale e in questo articolo ti spiego la mia opinione al riguardo. 

[TRASCRIZIONE]

 

In questo articolo  voglio spiegarti qual è la mia opinione a riguardo e soprattutto qual è quali sono i vari modi e per risolvere un problema come quello che allo stato italiano di sovra indebitamento vista da diversi punti di vista e chiaramente ti darò la mia opinione a riguardo ne parliamo in questo articolo ciao sono giorgio pecorari fondatore di gipi investe ogni settimana ti fornisco strumenti e idee per migliorare la gestione dei tuoi risparmi e raggiungere i tuoi obiettivi di investimento quindi se l'argomento ti interessa iscriviti a questo canale attiva la campanella così non ti perdi neanche un futuro articolo vienici a trovare all'interno del gruppo facebook gip investe community il bello del gruppo facebook è perché persone ormai siamo quasi un migliaio di iscritti possono fare domande e è chiaramente proporre argomenti di discussione uno di questi di questi argomenti di questi spunti di riflessione è stato posto da un iscritto appunto che ha fatto un'articolo perché l'argomento era particolarmente complesse non era spiegabile con un con un post è in pratica la sua domanda è durata più la traduco perché erano tre minuti di video la sua domanda e ho visto il tuo video la presentazione la diretta che hai fatto sulla quadra sul rischio patrimoniale ma scusa un attimo se se uno stato e si ritrova in una si trova in una condizione in cui la qualità del suo il suo merito creditizio è come dire meno non è così elevato quindi lo spread cresce quindi il tasso di interesse da pagare sul proprio debito e più alto ma perché il rischio di una patrimoniale conseguenza estrema di un di una incapacità di gestire il debito deve ricadere sui cittadini italiani e non sugli investitori in altre parole l'investitore che compra un titolo di stato con uno spread a 300 e rotti viene già ripagato da un aumento del rischio legato al titolo di stato italiano perché percepisce un rendimento più alto giusto e se è così perché si dovrebbe risolvere la questione di perché deve emergere la possibilità di una patrimoniale giusto cioè il rischio insolvenza dello stato dovrebbe scaricarsi sull'investitore che ha comprato titoli di stato e sui quali sta percependo un rendimento più alto rispetto a titoli più sicuri appunto per ripagare quello che è il maggior rischio fallimento che allo stato italiano rispetto ad esempio alla germania perché questo rischio deve ricadere sul cittadino italiano ottima domanda ottima domanda il problema è che a questa domanda si risponde a mio parere utilizzando un set di valori un set di ragionamenti di di approcci che non ha molto a che fare con la con l'approccio finanziario ma è molto legata da cinque ai valori alla visione della società che una persona la visione politica ok quindi io darò la mia personale risposta a questa domanda questa considerazione che è veramente centrata molto profonda e ed è la mia visione ok in realtà io cerco di informarmi approfondisco il più possibile certi argomenti e ho trovato e continuo a trovare particolare ammirazione particolare allineamento di idee con un personaggio lo chiamo personaggio perché per me è molto di più di un giornalista che è oscar giannino ok oscar giannino nel 2013 fece un video perché si era candidato alle elezioni purtroppo con risultati non ottimali diciamo così è perché lo propongo come come idea come spunto per analizzare questo questa tematica perché io condivido il suo approccio liberale la sua filosofia liberale io profumi considero un liberale come approccio al previsione economica e sociale ok c'è lo stato allo stato i cittadini sono i cittadini di imprese sono imprese non vedo necessità e anzi non vedo assolutamente conveniente un'eccessiva interazione e si eccessiva interazione tra questi tre elementi cittadini imprese e società ok in questo video che puoi trovare in pratica sul batti basta googlare oscar giannino la crisi la patrimoniale alla faccia allo stato qualcosa di simile in pratica in un video del 2013 quando era in piena campagna politica per le elezioni 2013 o insomma in quegli anni non ricordo esattamente in questo video spiega qual è la sua visione e io mi sento al di là del suo partito politico mi sento di condividere questa visione tra l'altro giannino lo potete ascoltare su radio 24 tutti i giorni ma poi con i conti della belva che è un programma a mio parere fantastico anche il sabato mattina alle 9 alle 10 qualcosa insieme ok allora la sua il suo approccio è il seguente in paesi come in italia il debito pubblico cresce perché cresce perché non c'è cresce quindi il debito pubblico è una percentuale giusto 135 per cento del debito significa che il debito c'è un rapporto tra quello che è il debito e il pil ok perfetto quindi visto che è una frazione se non c'è crescita del pil lo stesso ammontare di debito in valore assoluto ad oggi siamo mal contati 2.400 miliardi se questo debito è ripartito su un pil in contrazione il diminuzione vuol dire che il debito in percentuale cresce ok 137 per cento o 35 circa significa che l'indebitamento cresce ok quindi il debito l'italia sta crescendo perché c'è scarsa crescita del bambino ok benissimo questo deve essere contestualizzato cioè il non non basta dire cresce il debito perché cresce è un andamento cioè un mandamento come dire potrebbe essere un andamento di breve periodo ma dobbiamo vedere da che i livelli sta crescendo ok in italia siamo a circa appunto 135 137 per cento di debito ea questo è associato anche il discorso deficit argomento della manovra di di questi giorni proprio tra il governo italiano e la comunità europea ok però cosa succede negli altri paesi sviluppati negli altri paesi sviluppati prendi francia sono attorno al cento per cento prendi inghilterra anche lì attorno all insomma i paesi sviluppati europei sono tra il 90 e il 100 per cento più o meno dimentichiamoci la germania perché sono lo sappiano suoni più bravi della classe gli italiani non hanno particolare simpatia nei confronti dei tedeschi ma loro è però niente fare un video breve stanno riducendo drasticamente debito pubblico fino a soglie del 60 per cento cioè di fatto è praticamente non posso dire zero ma sono soglie è veramente uniche a livello a livello mondiale ok quindi premesso che il debito pubblico cresce perché non c'è crescita l'unico ci sono tre soluzioni per contenere il debito pubblico e ripeto sto riportando i concetti di questo video di oscar giannino perché li condivido allora il primo modo per contenere il debito pubblico dell'approccio alla monty cosa ha fatto molti quando è caduto il governo berlusconi è entrato ci ha creato un governo tecnico ha alzato le tasse ha ridotto le spese drasticamente chiamando facendo quella che oggi viene chiamata austerity ok è di fatto è come quando le entrate sono superiori alle uscite si crea un risparmio comunque risparmio riparo il debito perfetto e quindi disfatto riesco a ridurre il numeratore di questa frazione qual è l'effetto è che l'austerity estrema porta recessione ok è di fatto comunque lo spread e rapido era ridotto si è ridotto drasticamente grazie ai monti ma c'è stata una frenata dell'economia piuttosto drastica qual è l'approccio opposto oscar giannino in quegli anni il video del 2013 riporta le parole di bersani che correva per il pd e dice a quei tempi non ho potuto verificare a quei tempi bersani proponeva tassa patrimoniale ok approccio completamente diverso quindi nord non tasso più i redditi delle imprese dei lavoratori tasso il patrimonio ok è questo questo queste queste tasse vanno a ripagare il debito la patrimoniale è stata fatta d'amato nel nel 94 circa 0 6 per cento 02 00 22 per cento dei dei conti correnti della liquidità sui conti correnti quindi anche proprio all'arma bianca non è che è stato fatto un vero conto del patrimonio delle persone eccetera no i conti correnti e va bene prelievo forzoso fatto direi un venerdì sera e via ok in realtà una patrimoniale c'è già adesso cioè non pensiamo che non ci sia la patrimoniale c'è già perché le imposte su deposito titoli e su conto corrente cosa sono se non patrimoniali giusto l'imu che è che cos'è se non ok non si paga limo sulla prima casa sulle altre si è un'imposta sul patrimonio giusto quindi le patrimoniali ci sono già quella a cui alludeva giannino in questo video è un extra patrimoniale cioè qualcosa in più con totti ok bene altra soluzione che anche personalmente non mi sento di caldeggiare opzione numero 3 che è quella di giannino e chiudiamo il circolo a chiudiamo il cerchio ok la patrimoniale la fa lo stato cosa significa che lo stato ha un problema di bilancio di chiamiamolo proprio da come dire bilancio cacciamali al bilancio della nostra famiglia cioè c'è il conto economico e lo stato patrimoniale e conto economico e confronto tra entrate uscite lo stato patrimoniale quanto patrimonio abbiamo in confronto ai nostri debiti ok spesso faccio questo paragone ma questi sono concetti di finanza aziendale e si applicano ugualmente alle finanze di uno stato bene se lo stato ha problemi perché è un debito eccessivo che venda il suo patrimonio prima di andare ad attingere al patrimonio dei cittadini venda il proprio patrimonio in quel video io non ho potuto verificare le fonti anche perché queste sono tematiche piuttosto complicate io voglio condividere con te l'approccio la filosofia questa idea però è chiaro che alla base servono competenze e una conoscenza del di quello che c'è nell'attivo patrimoniale di uno stato che è molto elevata e io personalmente non ho quindi voglio condividere solo l'approccio perché mi sento di sposare questa questa mentalità giallino citava che c'è all'epoca dei dei video c'erano 480 miliardi di immobili di proprietà dello stato lo ripeto non ho verificato la fonte ok quindi lui proponeva un piano di dismissioni di vendita sul mercato questo oggettivamente un argomento che già emerso anche nella più recente nel più recente dibattito politico anche da è stata una proposta portata avanti anche da di maio direi che nella manovra ci siano se non erro 18 miliardi di dismissioni per il 2019 circa 28 miliardi di vendita di 100 il valore recuperato da vendita di immobili dello stato nei prossimi tre anni quindi qualcosa in questa direzione sembra che il governo gialloverde lo stia facendo questo vuol dire tagliare liquidare patrimonio pubblico che giustamente dovrebbe essere la prima cosa da fare prima di pensare di attingere alle finanze dei cittadini che per me è proprio l'estrema ratio quella che perché anzi dopo lo spiegherò perché è l'estrema ratio prima però oltre a liquidare appunto beni patrimonio dello stato chiaramente bisogna capire che tipo di patrimonio è perché ci sono anche asset strategici beni star trek strategici che è molto difficile liquidare e magari non conveniente per uno stato di guidare il secondo punto è tagliare la spesa improduttiva cioè la spending review ma quante volte l'abbiamo sentito parlare di spending review di cottarelli che tanti odiano vengo come dire vengo su sul mio canale vengo non dico preso in giro ma viene ironizzato il fatto di cito e porto cito le parole di cottarelli porto bottarelle su un palmo di mano quando di mano si diceva sì cioè nel senso che condivido le sue idee certo perché si sa dove bisogna andare a tagliare si sa ma non lo si fa perché non lo si fa per ragioni politiche ok qualche dato è il punto che tanto lo sappiamo dove bisogna andare a tagliare lo sappiamo ma non lo facciamo ok qualche dato giusto perché è divertente e siamo qui e ne parliamo ok qualche dato forestali quanti forestali ci sono in calabria e quanti ce ne sono in canada ok questo articolo del giornale ok trovato ieri bene in calabria ci sono 6.500 chilometri quadrati di foreste ci sono 10.500 forestali c'è un calabrese su 191 calabresi fall forestali ok in canada ci sono 400 mila metri quadri di foreste e ci sono 4.200 ranger ranger sarà e forestali come quello di yoghi ok yoghi e bubu c'era ranger perfetto quello è il forestale che il forestale canadese ok bene c'è un ranger ogni 7.790 abitanti ok 11 a 191 calabria 1 a 7.700 che cos'è questa se non spesa eccessiva se non scarsa produttività questa ha un costo ok non sono io quello che dovrà fare la stima di qualche questo posto ma se il rapporto è più di uno a dieci vuol dire che lo stesso servizio si può fare ad un decimo del costo giusto cioè non è che dobbiamo togliere tutti i forestali dobbiamo proteggere le nostre foreste giusto ma dovremo anche ispirarci agli stati che sono più efficaci nel farlo giusto qual è il problema qual è il problema è che se aumentiamo la la produttività vuol dire che la stessa attività la facciamo con meno persone giusto quindi se noi mettiamo lo stesso rapporto di forestali che c'è in canada in calabria non so quanti forestali rimangono ok probabilmente l'ottanta per cento non ha più un lavoro questa è una scelta politica ok da una scelta difficile e perché la spending review non viene fatta perché non si fa perché non si tagliano i costi perché perdi le elezioni successive lo ha detto anche in altri in altri video le riforme più violente ma necessari per uno stato sono quelle che ti fanno perdere le elezioni quindi quando purtroppo è così quando ti spiego della spending review da quanti anni a che ne stiamo parlando decenni decenni ok prendete qualunque dato di produttività dello stato di scusami di produttività del lavoro del lavoratore italiano siamo agli ultimi posti a livello quantomeno europeo ok quindi tutti questi dati in sappiamo l'efficienza della pubblica amministrazione la sappiamo come si risolve come come per l'esempio dei forestali è una scelta politica quindi questo è l'approccio un approccio di razionalizzazione delle finanze dello stato prima poi in estrema ratio ma proprio deve succedere l'apocalisse finanziaria dopo si va a mettere le mani nelle tasche degli italiani il punto è che questa è un'operazione cioè mettere le mani nelle tasche degli italiani cosa vuol dire vuol dire che doveva prendere dei soldi che hanno già pagato le tasse sono già stati risparmiati magari i cittadini li avevano risparmiati con un obiettivo ne parliamo spesso su questo canale effettivo di raggiungere una rendita pensionistica aggiuntiva 1 comprarsi la casa piuttosto che ritivo feeling eccetera cioè vuol dire distruggere gli obiettivi finanziari se non distruggere mettere in discussione mettere in crisi gli obiettivi finanziari che sono obiettivi di vita delle persone è una cosa violentissima profondamente poco etica non meritocratica appunto perché in italia ci sono 200 miliardi di sommerso ok come economia però la maggior parte possiamo dire che sono soldi che ha pagato le tasse ok e vuol dire che non è neanche meritocratiche la cosa non è un'operazione merito pratica perché perché a persone che hanno pagato le tasse tu vai a prendere i soldi in tasca e te li metti lo stato prende i soldi dalle tasche di italiani se li metti nella propria tasca ok perché non si parla di attaccare vero veramente il sommerso 200 e passa miliardi ok cioè tipo il 16 per cento del pil è sommerso è molto difficile combattere il sommerso no no io sono andato in cina sei anni fa ei 67 anni fa sugli scontrini in cina c'è il gratta e vinci ok quindi tu prendi lo scontrino e le persone grattano e possono vincere un premio cosa fa questa cosa cosa genera questo tipo di di innovazione incredibile che le persone chiedono lo scontrino perché perché vogliono vincere premi ok c'è allineamento di interessi tra lo stato e il cittadino una patrimoniale è il disallineamento di interesse e vedi che su questo canale ne parlo spesso dell'allineamento degli allineamento di interesse quindi queste sono le priorità a tagliare la spesa togliere il eliminare ridurre il più possibile il sommerso e fare un piano di dismissione di dismissione queste sono le mie priorità e personalmente sono vicino a qualunque politico che porta avanti questa filosofia quindi questa è la mia opinione fammi sapere nei commenti cosa ne pensi se condividi o no l'obiettivo è avviare un dialogo costruttivo non mi interessa dire vai a quel paese anzi no tanto non li pubblico i commenti perché lì approvo tutti gli o quelli dello staff quindi però voglio cercare di stimolare un dialogo con persone che non sono analfabeti funzionali ok lo so siamo pochi meno del 50 per cento però ci proviamo ad avviare un dialogo costruttivo fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate ok e se la maggior parte delle persone vuole o non vuole una patrimoniale va bene è una domanda polemica chiaramente.

 

Vuoi vedere un'intera lezione totalmente gratuita su questo argomento? Guarda il video: "Corso Come Diventare un Investitore Consapevole". Lo trovi alla pagina: https://www.gpinvest.it/investitore-consapevole

chiudi
chiudi