Consulenza
27/04/2017

Sei meglio o peggio dell'investitore medio? - GPShow#8

Smetti di essere vittima di banche!

Diventa un Investitore Consapevole con il nostro Piano Strategico!

Secondo la CONSOB l'investitore medio Italiano ha scarse competenze finanziarie, accede ad una consulenza finanziaria di scarsa qualità e di conseguenza commette errori oppure non investe.


benvenuto alla ottava puntata del gp show il programma di finanza personale il diretta live su facebook sul sul gruppo facebook gip invest community e in replica sul podcast gp ciò che puoi trovare e scaricare di itunes io sono giorgio pecorari in questo appuntamento settimanale ti parlerò di idee per investire risparmiare attraverso libri articoli ospiti e tanto altro la puntata di oggi si intitola 6 meglio o peggio dell'investitore medio bene come interagire con me e con il gp show la cosa più semplice da fare è iscriversi al gruppo facebook gip invest community è un gruppo neonato che si sta ripopolando e sta diventando via via sempre più interattivo e qual è l'obiettivo l'obiettivo è quello di scambiarsi idee idee e spunti di riflessione commenti per poter risparmiare e investire nel migliore dei modi perché qual è la differenza rispetto ad una pagina facebook la differenza è che all'interno di un gruppo l'interattività è massima e soprattutto gli iscritti possono interagire proporre contenuti proporre domande e proporre sondaggi eccetera in una pagina invece la relazione è molto più statica e quindi diciamo non è di così grande interesse per per invece chi vuole esprimere e avere un ruolo attivo nella comunicazione benissimo prima di entrare nel vivo della puntata una comunicazione di servizio il 17 scusate il 10 maggio ci sarà un evento dal vivo gp investa montecatini terme dal titolo come aumentare fino al 5 per cento il rendimento del proprio portafoglio un evento gratuito che ha la finalità di fare educazione finanziarie di base e cercare di porre l'attenzione su due aspetti chi vi anticipa anche se non dovrei farlo e che molti investitori trascurano quando si parla dei loro investimenti questi due aspetti sono all'attenzione a costi e tasse e l'attenzione alla vera un metodo di investimento questi sono due aspetti che la maggior parte delle persone trascurano però sono sono responsabili di ben 56 punti percentuali di rendimento che gli investitori perdono che però i mercati generano autonomamente ok senza grandi sforzi quindi grandi opportunità perse dagli investitori dall'investitore medio che possono essere recuperate adottando queste due accortezze questo il focus della serata del 10 maggio a Montecatini terme sto valutando anche come poterla trasmettere in webinar una in conferenza online anche a chi abita lontano e quindi farebbe fatica a partecipare la puntata di oggi ha come titolo 6 meglio o peggio dell'investitore medio perché ho definito questo questo titolo fondamentalmente l'idea mi è venuta a seguito di una conferenza a cui a cui ho partecipato alla settimana scorsa a milano in borsa italiana in cui tra i vari speaker c'era anche un dipendente di consob che cos'è la consob la consob la commissione nazionale per la società per le società e la borsa se avete visto film americani come wolf wall street non so wall street eccetera in america la la consob è chiamata sec magari siete anche non so magari siete più avete sentito questo nome più frequentemente di quanto non si senta la consob queste sono istituzioni nazionali che hanno come obiettivo quello di salvaguardare l'investitore comune quindi puntualmente oltre a monitorare i vari player del mercato ea monitorare le operazioni sui mercati operano anche delle dei sondaggi fanno anche delle analisi statistiche sull'investitore medio la settimana scorsa partiti partecipando a questa conferenza ho trovato degli spunti molto interessanti appunto presentati da questo dipendente da questo funzionario della consob il quadro che viene dipinto dell'investitore medio italiano è abbastanza drammatico diciamo e e voglio parlarne con voi per condividere un po quelli che sono gli errori principali che commette l'investitore meglio e capire come fare a risolverli bene innanzitutto l'investitore medio italiano mostra limitate conoscenze finanziarie di base qui davanti a me ho la presentazione dell'evento quindi andiamo punto per punto quindi mostra limitate conoscenze finanziarie di base cosa significa che è finanziariamente piuttosto ignorante solo un terzo delle persone conosce concetti come l'inflazione quindi non stiamo parlando di che cosa è un derivato che cos'è un opzione ma l'inflazione che purtroppo una tassa indiretta una tassa occulta che pagano tutti tutti i detentori di denaro quindi è un concetto che avrebbe insegnato alle elementari tanto è basilare purtroppo un terzo delle persone non solo un terzo delle persone a chiaro questo concetto due terzi delle persone ha una vaga idea di che cosa sia secondo aspetto che emerge da questo report della consob è che l'italia ha un ignoranza finanziaria media dei suoi investitori che la pone nelle posizioni nella prima posizione tra i paesi sviluppati quindi in altre parole i paesi sviluppati quindi quelli del g7 g8 vedono l'italia nella prima posizione per ignoranza in campo finanziario pensate che paesi come il sudafrica paese emergente e ha una cultura finanziaria media superiore a quella italiana questo è quanto mai sintomatico della situazione secondo aspetto emerso da questo report della consob è che l'investitore italiano è talvolta overconfidence ed esposto a byas comportamentali che possono alterare la percezione del rischio cosa significa per cosa significa overconfidence e byas questa è una terminologia tipica della finanza comportamentale che è la branca della finanza che si occupa di studiare l'investimento scusate scritto studiare il comportamento degli investitori quindi è in parole povere che cosa significa significa che molte persone ad esempio si attribuiscono meriti non propri non riconoscendo il ruolo della fortuna un esempio classico è a quest'anno guadagnato un sacco e magari una persona non riconosce il fatto che tutto il mercato è cresciuto e quindi di fatto lui e non ha avuto un guadagno rispetti aggiuntivo rispetto a quello dei mercati ha semplicemente avuto un forte vento di poppa che ha permesso ai suoi i suoi risparmi di crescere nell'anno precedente quindi spesso non riconosce il suo contributo dal da quella che invece il ruolo del caso della fortuna o altro altro esempio attribuisce alla sfortuna quelli che realtà sono errori propri un esempio classico è ai mercati hanno avuto un comportamento inaspettato ha perso tutto no questo non è un problema legato alla sfortuna piuttosto che a eventi imprevisti dei mercati ci ha chiaramente ci possano essere anche quelli principalmente però tu non avevi un metodo e di fatto sei stato vittima nella tua esperienza della tua delle tue incapacità quindi questo è il secondo aspetto che viene definito dal dalla consob come overconfidence quindi eccesso di confidenza o byas comportamentali quindi tendenze ad avere dei frammenti dei ragionamenti che non sono razionali punto numero tre che emerge da questo report della consob è che l'investitore italiano è molto avverso alle perdite e fin qua verrebbe da dire e chi è che non lo è in realtà spero siamo all'ottava puntata di gb shaw spero di avervi spiegato e continuerà a farlo che l'investimento finanziare l'investimento in generale è impossibile che sia esente da rischi e da perdite temporanee nel senso che i mercati in qualunque essi siano mercato immobiliare mercato obbligazionario azionari eccetera passano momenti di euforia e momenti di eccessivo pessimismo quindi c'è una volatilità sui mercati e se tu inizi ad investire oggi è normale che nei prossimi 3 5 7 10 anni tu possa vivere una temporanea perdita di valore dei tuoi risparmi il fatto è che i mercati sono vittima di naturali di una naturale volatilità ok però se tu non hai una conoscenza dei mercati non sei neanche in grado di capire quelli che sono i crolli che periodicamente accadono sui mercati quindi è un problema di percezione ok e molte persone non avendo conoscenze di base non riescono a capire e quantificare quello che è il naturale crollo dei mercati quindi sono naturalmente avversi alle perdite però questa è come puoi capire è un problema che potrebbe essere risolvibile da una maggiore conoscenza dei mercati punto numero 4 del report della consob è che l'investitore medio italiano investe se ha fiducia e questo potremmo dire che è un comportamento particolarmente conservativo e ed è la tendenza ad essere particolarmente cauto dell'investitore medio nulla da commentare su questo punto numero 5 invece ha una scarsa capacità di orientamento nel percorso di investimento e questo è ugualmente conseguente del una conseguenza delle scarse conoscenze che ha in campo finanziario in italia siamo stati abituati ad uno stato particolarmente assistenzialista cosa significa significa che molti la maggior parte degli dei servizi basilari pensiamo alla salute alla previdenza alla previdenza sono garantiti dallo stato cioè l'inps che ci garantisce una pensione poi dopo chiaramente commentiamo qua quanto ci garantisce però insomma siamo stati abituati a questo genere di servizi quindi il fatto che lo stato avesse una presenza così diretta nella vita finanziaria delle persone non solo finanziare ma nella vita delle persone fa sì che le persone non abbiano avuto la necessità di acquisire determinate conoscenze pensate al mondo degli stata pensata gli stati uniti negli stati uniti non c'è l'inps ok c'è un sistema di risparmio il chiamato for one che insomma dei piani pensionistici che permettano alle persone di risparmiare avendo delle eco delle una defiscalizzazione pagando poco imposta in pratica però fondamentalmente la loro capacità di crearsi un gruzzolo che gli permetterà di d d di mantenersi dal giorno in cui smetteranno di lavorare all'ultimo dei loro giorni ecco questo è responsabilità della singola persona non è lo stato che ti obbligano nello stato che se ne occupa di dagli strumenti per poterlo fare in autonomia in italia invece non siamo stati abituati a questo tipo di servizio risultato le persone non hanno sviluppato competenze non hanno consapevolezza però le cose stanno cambiando gap che purtroppo il sistema previdenziale italiano non è stabile ci sono persone che sono andata in pensione a 40 anni nel 1980 90 adesso la pensione si sta è un è un obiettivo che si sta allontanando sempre di più i dati dell'inps dicono che la classe 1980 andrà in pensione all'età di 75 anni con il 50 per cento dello stipendio cosa significa che bisognerà integrare il 50 per cento dello stipendio mancante nel senso che le persone si saranno abituati ad uno stile di vita che utilizza la quasi totalità dello stipendio ma quando andrà in pensione tu avrai solo il 50 per cento dello stipendio in forma pensionistica e quell'altro reddito con l'altro 50 per cento di reddito ecco a quello dovrai pensare to autonomamente con una pensione integrativa quindi io mi accorgo che c'è maggiore sensibilità su questi temi perché molte persone mi scrivono e soprattutto giovani e cominciano essere particolarmente preoccupati all'idea di dover ridimensionare il proprio stile di vita quando vorranno andare in pensione poi c'è anche l'aspetto che magari molte persone vorrebbero andare in pensione prima dei 75 anni e quindi qui si tocca un altro argomento però il messaggio che voglio trasmettere è che questa sensibilità che negli stati uniti anno e sta crescendo anche in italia per via di un cambio di scenario di per via del pubblico a causa del fatto che lo stato sta diventando meno assistenzialista di quanto non fosse in passato ok un approfondimento su quella che è la scarsa capacità di orientamento del perché nel percorso di investimento nelle questo funzionario della consob ha riportato un grafico molto interessante che dice che il 62 per cento degli italiani non effettua investimenti finanziari questo per me è sconvolgente quanto scioccante diciamo perché dimostra che dimostra sempre scarsa competenza finanziarie perché il gli investimenti finanziari sono lo strumento e questa è un'opinione personale ma sono lo strumento più adatto per il piccolo medio investitore molto più adatto che non l'investimento immobiliare quindi il fatto che il 62 per cento degli italiani non usi lo strumento più efficace a disposizione del piccolo medio investitore ecco per me è una sconvolgente come come come fenomeno invece il 38 per cento delle persone utilizza gli investimenti effettua investimenti finanziari ma quello che è interessante notare dato che trovate in un'altra statistica è che 1.300 miliardi del patrimonio degli italiani che ammonta a circa 8.000 miliardi quindi il 16 per cento dalla ricchezza degli italiani è ferma sui conti correnti cosa significa che questo 16 per cento di ricchezza degli italiani ed è una cifra impressionante se ci pensate il debito pubblico dell'italia 2.200 miliardi circa che è quindi quasi la diciamo il 60 70 per cento del debito pubblico degli dell'italia potrebbe essere pagato dagli italiani cash immediatamente prelevando dai co dai soldi prelevando i soldi dal conto corrente questo non avverrà mai però per farvi capire l'entità di monetaria che è ferma in utilizzata sui conti correnti non è investita magari è ferma su conti deposito che rendono a 0,00 forse neanche quello quindi è un potenziale inespresso enorme sono tutte opportunità di guadagno che potremmo che potremmo come dire acquisire investendo dai nei mercati finanziari che vengono sprecate e interessante notare come quali sono i criteri che l'investitore medio utilizza per decidere come investire ok cosa valuta quando deve scegliere come quando deve affrontare l'investimento bene il 24 per cento degli intervistati si concentra su quello che è l'orizzonte temporale dell'investimento bene ne ho già parlato in altri in altre puntate igp choc ed è uno degli aspetti principali purtroppo solo il 24 per cento quindi uno su cinque su uno su quattro scusate quello che è sconvolgente sempre di quest'altro grafico è che invece il 14 per cento degli intervistati come prerogativa del proprio investimento è già valuta quali sono le aspettative di rendimento oppure un 39 per cento non ha alcuna attitudine specifica quindi non ha aspettative quando non ha aspettative nei vincoli né timori quando si avvicina all'investimento finanziario quindi sommando il 39 14 vedete che più del 50 per cento delle persone sta commettendo o non ha una minima idea di come deve essere impostato l'investimento oppure sta commettendo un errore importante l'errore importante è quello di che dicevo perché anticipavo prima del 14 per cento di persone che si focalizza sul rendimento e appunto pensare al rendimento invece la prima cosa da fare è pensare a quanto rischio sei disposta accettarti sei disposto scusate a prenderti ok perché il rendimento è una remunerazione del rischio che ti vuoi prendere nella puntata numero 1 del gp show vatel e riascoltare te lo suggerisco calorosamente parlavo proprio di questo di questo aspetto il rendimento che generano i mercati non è gratis è proporzionale al rischio che ti vuoi prendere maggiore rischio che ti vuoi prendere maggiore rendimento minore rischio minore rendimento quindi partire dalla fine c a partire da io voglio il 5 per cento di rendimento è un approccio sbagliato perché il 5 per cento di rendimento oggi lo puoi tenere con con un rischio molto elevato in questo determinato un momento dei mercati invece cinque anni fa magari e se bastava un rischio medio quindi il rendimento è una variabile che non puoi controllare perché dipende da quello che è il momento in cui tu vai ad investire il rischio invece lo puoi controllare perché tu puoi scegliere di investire in classi di investimento più o meno rischiose e quello lo puoi controllare e lo devi tenere sotto controllo assolutamente non te ne devi dimenticare altro aspetto su cui si concentra i rapper della consob è la difficoltà dell'investitore medio a formulare un giudizio sul consulente e questo è un aspetto critico perché in italia siamo abituati ad una consulenza finanziaria che per lo più è bancaria o fornita da reti di promotori finanziari che è profondamente incompleta in pratica in banca o le reti di promotori ti vendono strumenti finanziari ma questa è vendita non è consulenza finanziaria sono vart attraversa l'oceano e va in negli stati uniti si accorge come la consulenza finanziaria nella sua completezza non si occupa solo di costruire portafogli di investimento vendendo strumenti finanziari o consigliandoti strumenti finanziari ok ma a molti altri aspetti che sono sono da valutare ad esempio quanto deve risparmiare quindi i consulenti finanziari americani ti aiutano a creare piani di risparmio poi si occupano della pianificazione finanziaria che significa capire come affrontare quelle che sono le spese più importanti che una persona deve affrontare nel corso di una vita la casa è piuttosto che piuttosto che l'acquisto di una macchina che era una mia spesa importante che succede una tantum quindi la pianificazione finanziaria non è solo l'investimento in sé la creazione del portafoglio ma è composta di tanti tasselli invece purtroppo in italia siamo abituati ad un servizio che è profondamente incompleto non solo è incompleto ma è nella maggior parte dei casi fornito da istituti bancari da reti di promotori che sono afflitti da un gravissimo e importantissimo conflitto di interesse quindi questo fa sì che è anche una consulenza da prendere diciamo con le pinze perché non è nel tuo esclusivo interesse ok perché la remunerazione ne parlavo anche nella puntata numero 5 o 6 del gp show ritiri porterò nelle note di questa puntata quale la puntata precedente in cui parlavo di conflitto di interesse ecco la remunerazione di questi consulenti non avviene direttamente non avviene direttamente dall investitore che l'investitore non paga direttamente una parcella il consulente avviene indirettamente attraverso un sistema chiamato retrocessioni questo non garantisce che questo genere di consulenza a cui si affida il 99 per cento degli italiani sia nel loro esclusivo interesse benissimo e questo fa si sa anche che essendo abituati a non vedere esattamente quanto costa questo servizio molte persone non sappiano 1 quanto quanto stiano pagando 2 quanto dovrebbe costare questo servizio però diciamo che in aiuto ci viene una normativa chiamata mi feed 2 che entrerà in vigore a gennaio 2018 che porterà maggiore chiarezza e trasparenza e trasparenza su quelli che sono i costi del dei servizi finanziari quindi anche le banche anche le reti di promotori dovranno seguire questa questa direttiva ed esplicitare in modo chiaro quelli che sono i costi quindi l'investitore medio non capendo quello che è il vero servizio di consulenza finanziaria vero intendo completo e mi riferisco al mondo americano per per darvi un'idea non sa esattamente a cosa serve la consulenza finanziaria che ha abituato ad ottenere in italia non riesce a quantificare neanche qual è il valore aggiunto che dà alla propria vita in questo genere di consulenza finanziaria e quindi per giunta cioè in conclusione non sa quantificarne il valore in realtà questo chiaramente è lo scenario dell'investitore medio però in italia comunque abbiamo molti consulenti che effettuano questa pianificazione completa consulenti indipendenti o autonomi adesso sono stati rinominati autonomi che si occupano di pianificare le tue finanze sotto ogni aspetto dal risparmio alla pianificazione delle spese importanti fino all'investimento quindi partendo da questo scenario che è interessante notare l'ultimo grafico riportato da consob che mostra come il 16 per cento degli intervistati non ritiene di dovere fornire informazioni al proprio consulente e questo è la prova che molte persone non hanno proprio capito qual è il ruolo del loro interlocutore com'è possibile ti sta come può il tuo interlocutore fornire un servizio nel tuo interesse enel insomma fornire un servizio che permetta la tua la tua vita come investitore risparmiatore di migliorare se tu non gli fornisce alcune informazioni di base è questo è sintomatico oppure altre percentuali interessanti sono che solo il 37 per cento delle persone degli intervistati e fornisce al proprio consulente informazioni riguardo al proprio obiettivo di investimento la propria propensione al rischio questo è quanto mai sintomatico di quanto appunto la consulenza finanziaria sia un servizio che è fondamentale nella vita delle persone ma ad oggi in questo panorama dell'offerta ma anche della domanda appunto delle persone è quanto mai è un'opportunità poco sfruttata sfruttata solo da chi ha grandi patrimoni che chiaramente ne capisce l'importanza ma dall'investitore medio è totalmente non sfruttata quindi come puoi notare questo è un problema è un circolo vizioso è un cane che si morde la coda perché partiamo dal presupposto che le persone non hanno a conoscenza finanziaria quindi non capiscono il valore della consulenza finanziaria come dicevamo si affidano per lo più al al sistema bancario o alle reti di promotori con le controindicazioni di cui katy spiegavo prima ma molti di questi non si fidano delle banche quindi si rivolgono alle banche però sotto sotto non si fidano del sistema bancario e questo è quanto mai il grottesco guardate guardate puntate di mi manda raitre report per per capire così cosa cosa mi riferisco quindi la fiducia nel sistema bancario è molto scarsa però le persone non hanno o non conoscono le alternative come si possono ottenere risultati positivi dai propri risparmi in questo contesto in queste condizioni è possibile no non è possibile quindi cosa dobbiamo fare dobbiamo uscire da questo circolo vizioso cioè come abbiamo capito il problema è non ho conoscenze di base mi rivolgo a persone di cui non mi fido non ottengo la giusta consulenza e questo è un purtroppo un problema un fenomeno negativo che si autoalimenta come fare ad uscirne abbiamo due possibilità la strada lenta e quella veloce diciamo la strada lenta e acquisire conoscenze di base come studiando la prima cosa da fare ad esempio è andare su www.gds.it c'è un mini corso gratuito chiamato manuale per l'investitore consapevole ecco quello è un ora di formazione gratuita per iniziare a prendere consapevolezza di quella che è la gestione dei propri risparmi oppure su jeep invest punto it vabbè ci sono chiaramente i corsi ma ci sono anche c'è una selezione di libri che io consiglio di leggere per poter acquisire le proprio per poter aumentare le proprie conoscenze e questa è la strada chiaramente più lenta perché richiede un un tuo un tuo sforzo e un tuo impegno diretto nell'aumentare le tue conoscenze oppure c'è la strada più semplice e qual è è quella di rivolgersi ai giusti professionisti per cosa intendo per giusti intendo la consulenza finanziaria indipendente ho da poco rinominata autonoma per che definisco questa come la consulenza giusta per te perché su questi sono consulenti che lavorano nel solamente nel tuo interesse quindi tutti gli strumenti finanziari che ti propongono i piani finanziari che fanno in base alle tue esigenze non hanno altro destinatario altro beneficiario di questo servizio che non te non ri e queste persone non ricevono remunerazione per i prodotti che ti consigliano che non ci sono commissioni di alcun tipo che che ricevono per e per i consigli di prodotti su strumenti finanziari che riceve quindi questo questa è la vera consulenza finanziaria che permette di rompere questo circolo vizioso in cui è incastrato in cui è ingabbiato l'investitore medio italiano quindi il mio suggerimento è quello appunto di prendere in mano la gestione dei tuoi risparmi e rivolgerti ad un consulente finanziario autonomo oppure aumentare le tue conoscenze sfruttando quei suggerimenti a cui facevo riferimento in precedenza bene sono arrivato al termine di questa puntata cosa ti chiedo di fare allora innanzitutto se questa puntata ti è piaciuta non so se la stai ascoltando da itunes o vedendo su facebook e il mio la mia richiesta è nel caso tu sia su itunes di fare una recensione quindi fai sapere se la puntata di è piaciuta fai sapere ad altri che sta apprezzando questo programma così da dare la possibilità ad altre persone di di conoscere il programma se invece la stai guardando da facebook ecco ti chiedo magari di commentare farmi sapere cosa ne pensi oppure cliccare mi piace darmi un riscontro diretto sul sul fatto che tizi sia piaciuto meno la puntata ti ricordo l'appuntamento del 10 maggio a montecatini terme per l'evento formativo gratuito di jeep invest chiamato come aumentare fino al 5 per cento il rendimento del proprio portafoglio con utilizzando il buon senso ed in totale autonomia un evento formativo gratuito altamente consigliato con questo è davvero tutto ti saluta ti ringrazio per essere stato come e ci vediamo martedì prossimo per una nuova puntata del gp show ciao a presto

chiudi
chiudi