Testimonianze
04/12/2017

Ecco cosa ti dice Maurizio sulle banche italiane

Smetti di essere vittima di banche!

Diventa un Investitore Consapevole con il nostro Piano Strategico!

6 mesi fa circa ho avuto il piacere di conoscere Maurizio Morselli:

 

ex-bancario...

ex-consulente finanziario indipendente...

 

insomma una persona di grandissima esperienza nel mondo degli investimenti.

 

 

 

Siccome stiamo lavorando su alcuni progetti GPInvest ho deciso di intervistarlo e farti dire da una voce esperta com'è la banca....vista da dentro!

 

Ecco cosa imparerai in questo episodio:
- perché e come le banche guadagnano vendendo prodotti finanziari
- cosa deve fare un risparmiatore per non pagare commissioni esagerate
- quali sono le opportunità per chi investe oggi rispetto a 10, 20, 30 anni fa...

 

Maurizio raccontaci la sua esperienza professionale in banca.

Maurizio: ho lavorato per quasi quarant'anni in banca praticamente curando solo investimenti e gestioni di patrimoni in pratica dopo all'uscita dalla banca nel 2003 andando in pensione ho fatto il consulente indipendente e adesso vi spiego perché ho preso questa decisione  perché perché sentivo quando io parlavo con le persone del in banca, ovviamente in banca si è sempre pressati dal budget si è sempre pressati diciamo da certe dagli interessi della banca ovviamente che avendo un po prima di quelli dell'investitore se uno non è mai il libero di fare quel che vuole dire quel che crede ma deve sempre un po sempre condizionato diciamo da dalla banca che guarda che ti pago gli stipendi quindi quando sono uscito dalla quando ho potuto scegliere modo del tutto indipendente io ho ho ho scelto proprio di fare il consulente indipendente perché sentivo che era questo che mancava all'investitore la parola di una persona che non è niente da venderti quindi che non ha conflitto d'interessi una persona che lavora solamente per te l'investitore che hai bisogno perché sappiamo che gli investitori hanno tanto bisogno di consulenza perché di solito sa molto contro di banca insieme di prodotti finanziari e quindi mi sono messo a fare questo questo lavoro affascinante e devo dire che ha avuto anche parecchio successo diciamo anche se non mi sono impegnato moltissimo perché l'età ovviamente ha i suoi limiti però devo dire che sì effettivamente c'è stata molta risposta e facendosi conoscere oggi come oggi diciamo che la consulenza indipendente è il futuro il futuro della finanza perché non si può pensare di obbedire di farsi consigliare da persone che ci devono vendere dei prodotti

Giorgio: questo è infatti questo è l'aspetto che troppe poche persone conoscono ed è la ragione per cui ho fatto poi col mini corso gratuito che è accessibile sul sito

Come investivano le persone quando lavoravi in Banca?

Maurizio: allora sì non si investiva allora si veniva in barca si faceva il bot, o il bot pure i più evoluti facevano il cct e btp era sesto che investì dove investiva il risparmiatore italiano la formichina ed è il motivo per cui abbiamo tante persone che non sanno niente di finanza perché per una vita hanno investito sempre solo rinnovando tutti gli anni il bot o le cose di questo tipo di titoli di stato nella fattispecie quindi questo è ecco perché diciamo il investitori italiani anche poco preparata anche per questo motivo perché non ha mai avuto bisogno di dover forzare le meningi per andare a trovare

Giorgio: dalle tue parole io deduco che era più facile fare il risparmiatore perché c'è il bot molto e c'erano era più facile anche perché non c'erano molte alternative quindi l'opzione era quella e fine era più facile anche fare consulenza perché le opportunità non erano quelle che ci sono adesso

Maurizio: non si fa non si faceva continente praticamente sì non si vendeva perché i bot si rinnovavano di tutti gli anni senza problemi

Giorgio: adesso invece hai una quantità di strumenti che è una grande opportunità perché appunto si può investire in un sacco di di mercati nicchie di mercato eccetera però questo richiede competenze per poter valutare in modo sempre oggettivo non afflitta da conflitto d'interesse nel burro interesse del cliente questa moltitudine di strumenti si parla di migliaia prendi punto confronto tra epoche diverse a me viene in mente ad esempio la normativa mifid 2 che entra in vigore adesso adesso è richiesta una trasparenza sui costi su la tipologia di business della banca quindi se in allineamento di interessi un conflitto di interessi che a suo tempo non era richiesta quindi le normative europee e in questo caso possiamo dire dio benedica l'europa aiutano la trasparenza e questo io penso che sia un'opportunità per chi investe perché appunto lo scenario è più trasparente e ne beneficiano tutti è un po più difficile perché dall'altra parte il mondo bancario che deve giustificare magari commissioni elevate eccetera

Che opinioni hai della trasparenza dei prodotti finanziari?

Maurizio: I fondi comuni italiani sono trasparenti vuoi sapere quanto costano non c'è problema vai a vedere su un qualsiasi sito e ti fanno vedere quanti posti della commissione di gestione il famoso TER perché adesso si chiamano maniera insomma quindi possiamo benissimo vedere quanto costa il fondo comune alla fine al risparmiatore se noi passiamo dei prodotti finanziari per passiamo ai finanziario assicurativi ecco che cava cala un suono una scatola nera è che non si vede più niente quindi naturalmente i prospetti informativi sono fatti ad arte perché ci si capisca sempre meno perché vengono firmati senza che nessuno li lega perché carenze si capisce niente per cui alla fine non si ritrova con dei costi incredibili sui prodotti finanziario assicurativi che cosa mai non era quello che voleva lui certo però però purtroppo l'investitore che non è seguito da nessuno e che naturalmente non si intende di queste cose non può far altro che fidarsi di teglie li propone abbiamo visto in questi anni che questi prodotti queste le uniche di indecente anno sono andate per la maggiore e sono state la fortuna di tanti i promotori che hanno guadagnato quattrini a palate informato se l'investitore meno senz'altro

Quali sono le minacce per l'investitore di oggi?

Maurizio: un'attenzione molto molto molto maggiore perché fino a quel giusto vent'anni fa o anche meno fino ai tempi del bot l'indice scende dei provvedimenti della dc non c'erano problemi perché sì qualche banca diciamo che doppi casse forma la gestione o scelte sbagliate eccetera ci poteva essere l'inter veniva la banca d'italia quando poteva contare ancora interveniva faceva assorbire la banca da unite da una banca per la globale meglio allora le banche guardando in un'altra realtà non avevano problemi che la cosa finiva lì è successo un'infinità di volte col banco di napoli banco di roma e non c'era nessun problema il problema non sussisteva proprio è un problema diciamo di questi ultimissimi anni dove punto con il bail-in diciamo come dei provvedimenti nuovi hanno un po starà voltato il mondo del s effettivamente diciamo le banche sono chiamiamolo nell'occhio del ciclone mi verrebbe anche da dire un accordo neanche a dubbi lungarni su questo discorso perché anche perché non è giusto non aver fiducia nella banca prima di tutto perché tutto il nostro sistema economico e politico ha tutto l'interesse che le banche siano credibili a certi e solvibili perché altrimenti ricordiamoci che si esalta una banana tanto alla banca perché il direttore generale a fronte di uno stipendio ma è la banca che si trascina dietro tutta l'economia dei territori certo per cui la banca deve poter guadagnare deve deve poter restare diciamo un mercato mercato potere potere confrontarsi con altre banche eccetera per cui io penso che verrà fatto tutto il possibile perché le banche possono tornare ad essere non dico quelle di prima che forse erano po esagerate da un certo punto di vista però devono essere credibili e debbono poter operare per il bene economico della del paese altrimenti se salta anche carige per dire allora se saltano anche le  regionali stanno facendo il diavolo a quattro proprio per evitare che carige possa saltare che se salta carige si rischia veramente se ne sia prossima ma non nell'interesse delle banche come dicevo e l'interesse del paese

Quali pensi che siano le priorità d'investimento di un giovane oggi?

Maurizio: i giovani oggi che cosa hanno in grande un grande punto interrogativo qual è la pensione prende che cosa prenderò io quando quando arrivano in pensione 60(70 facciamo osservare altro forse di più quanto prenderò invece quindi prima di tutto pensare di investire sulla pensione integrativa questo è fondamentale non è questo il luogo per parlare in dettaglio perché altrimenti governo siamo certo però però la prima cosa per ogni giovane pensione integrativa poi se giovane anche a un capisce il giallo gioco diciamo si ai 30 anni oppure 40 ha un capitale deve tener presente una cosa attenzione allo stop non sto consigliando di investire sui nazionali ma intensi uno sto dicendo questo però noi sappiamo che se si investe in certi momenti particolarmente come sui mercati azionari se noi sappiamo che il mercato sia andare nel lungo periodo tende sempre a salire  non è scritto nel granito è quindi è vero fino a un certo punto però di solito un mercato azionario tende a salire perché è l'economia reale siamo noi dobbiamo stare meglio che vogliamo cambiare la macchina cosa nuova casa  per cui le aziende guadagnano  e investono e quindi le azioni fresco di valore quindi nel lungo lunghissimo periodo il giovane che vuole investire tenga presente questo però attenzione ad investire nell'azionario perché l'azionario è pieno di rischi di cui sappiamo e quindi è un discorso fatto un po così sui generis non voglio condizionare

Giorgio: è un'opportunità che c'è è uno che deve essere valutata si deve essere governate studiate a te certo che però se sotto controllo aiuta il aiuteremo il giovane a raggiungere prima determinati obiettivi di investimento

Smetti di essere vittima di banche!

Diventa un Investitore Consapevole con il nostro Piano Strategico!

chiudi
chiudi