Consulenza
27/12/2018

Consulenza finanziaria indipendente: "e se la pagassi in base ai risultati?"

Smetti di essere vittima di banche!

Diventa un Investitore Consapevole con il nostro Piano Strategico!

Se segui da un po GPInvest avrai capito la differenza tra la consulenza finanziaria indipendente e quella tradizionale (bancaria). Alla base della consulenza finanziaria indipendente c'è il pagamento del servizio attraverso una parcella che garantisce che il tuo interlocutore lavori nel tuo esclusivo interesse. Bene la domanda che sorge è: Quanto ammonta questa parcella e potremmo legare la parcella ai risultati?

[TRASCRIZIONE]


Bene quando si presenta un preventivo ad un cliente chiaramente visto che questo arriva dalla consulenza bancaria e ed è abituata a non pagare niente giusto perché la consulenza bancaria è gratuita ecco come ci spiegato in altri video non è così la paghi semplicemente non vedi quanto paghi ecco il cliente quando si vede davanti un preventivo anche se è consapevole dei vantaggi della consulenza finanziaria indipendente perché sennò non sarebbe lì a chiederti un informazione parlando della sua barca ecco però si trova davanti ad un blocco perché dice adesso devo pagare non è abituato a questa operazione perché quando era in banche i soldi gli venivano prelevati in modo indolore in modo inconsapevole direttamente dal dal valore dalla valorizzazione dei propri fondi o strumenti finanziari ma quando si parla di pagare un professionista fare un bonifico c'è una specie di dolore che questa è un po la psicologia dell'acquisto che comunque blocca diverse persone trovi persone molto intenzionate molto motivate che sanno qual è il servizio che cercano magari chiaramente negoziano sul prezzo però iniziano e partono altre invece che non riescono a superare questo questo blocco e la prima cosa che ti chiedono è ma se facessimo una parcella come dire legata ai risultati ecco questa non è una buona idea ma non è che non è una buona idea come dire dal mio punto di vista non è una buona idea dal punto di vista del cliente secondo la prospettiva del cliente è nel suo interesse vediamo perché alla base di questa domanda c'è una mancata comprensione di quello che è il funzionamento dei mercati finanziari e della consulenza in genere quando si investe non esiste altra persona all'infuori dell'investitore che si prenda il rischio dell'investimento questo penso sia logico e sia sotto gli occhi di tutti quindi l'investitore prima di iniziare ad investire sia in barca che attraverso la consulenza indipendente deve compilare un test per poter quantificare la propria accettazione del rischio e questo lo identifica appunto come investitore sei un investitore con una bassa accettazione del rischio sei un investitore con un'alta accettazione del rischio ogni risultato è buono perché ognuno ha una visione diversa dei mercati finanziari è vittima di diverse paure e magari vede opportunità differenti non stiamo discutendo il grado di rischio quello che stiamo discutendo è che il grado di rischio è personale quindi il consulente quando consiglia qualcosa al proprio cliente deve stare bene attento a consigliare qualcosa che sia coerente con il grado di rischio che ha dichiarato il cliente sia per ragioni di legge perché lo impone la legge sia per ragioni di etica ecco qui torniamo sempre al discorso del conflitto di interesse perché quando un venditore che del chi guadagna commissioni su un prodotto finanziario deve venderti qualcosa è stato dimostrato ci sono vari casi fai qualche ricerca su google in cui consulenti finanziari bancari manipolassero il test di accettazione del grado di rischio per poter vendere determinati strumenti finanziari questo è chiaramente sono pratiche non etiche non professionali quindi dimentichiamoci ha detto però quello che mi preme che tu capisca è che il consulente finanziario quindi quello che ha un'etica e una sua professionalità è il marinaio mettiamola così della tua imbarcazione e l'imbarcazione secondo questa mia personalissima metafora è il tuo patrimonio finanziario chiamiamolo così quindi il consulente non è un re mida e non è un mago e consulente finanziario non ha il controllo totale dei mercati finanziari se i mercati crollano domani il consulente finanziario magari può avere messo in atto delle strategie per minimizzare l'impatto di questo crollo ma non può evitarlo completamente perché appunto non ha il controllo totale del processo di investimento perché i mercati finanziari sono comunque degli animali che vivono di vita propria come per la metafora del marinaio il marinaio non ha il controllo dei venti e del mare non può fermare una burrasca ok però può prevedere che si verifichi uno scenario futuro e quindi magari valutare l'opportunità di stare fermo al porto per una notte perché è troppo rischioso uscire in mare quindi chiarito qual è il ruolo del consulente in relazione al grado di rischio del cliente a questo punto chiediamoci quanto senso abbia remunerare questo servizio di guida e di supporto e all'investimento e di coaching anche in base ai risultati chiaramente davanti a te hai un professionista qualcuno che ti dedica del tempo per il tuo caso è chiaramente come ogni professionista al tempo è associato un costo quindi è come se tu andassi da un avvocato a dire guarda avvocato io sono venuto qui per una pratica di divorzio purtroppo sto divorziando con mia moglie che ne dici se io ti pago solo se il divorzio è come dire particolarmente vantaggioso per la mia parte nel caso io debba rimetterci qualcosa non ti pago ecco io ti dedico del tempo a questo tempo è associato un costo indipendentemente dal risultato nel caso della consulenza finanziaria non è così non c'è tutta questa aleatorietà perché se prima dicevo che non possiamo controllare tutto dei mercati finanziari però possiamo controllare un certo numero di cose perché i mercati comunque sono uno strumento che nel lungo periodo hanno dimostrato un certo tipo di redditività un certo tipo di volatilità e su cui possiamo fare un piano quindi se ad esempio non calza minimamente per il caso dell'avvocato e del divorzio qualcuno potrebbe sostenere beh però ci sono gli hedge fund là fuori che hanno un tipo di remunerazione che magari se sei della materia se conosce un po questo mondo si dice 2 per cento 20 per cento quindi un hedge fund guadagna il 2 per cento delle masse che gestisce e che si guadagna non si guadagna incassa il 2 per cento del capitale che gestisce e si prende un 20 per cento dei profitti quindi ad esempio nel 2018 si guadagna 100 leggi punt si prende il 20 per cento di quel centro l'ottanta per cento rimane un investitore questo oltre ad essere un modello remunerativo completamente diverso profondamente inadatto al piccolo risparmiatore a una serie di vincoli ad esempio il fatto che nella maggior parte degli hedge fund non puoi liquidare la posizione quando vuoi o meglio in altre parole devi rimanere investito per un determinato periodo di tempo ci sono delle finestre in cui puoi disinvestire al di fuori di quella finestra deve rimanere dentro quindi questa remunerazione può essere considerata vantaggiosa considerando però che è molto costoso questo questa tariffa però il prezzo da pagare sono i vincoli giusto questo non accade se prendi dei degli strumenti finanziari fondi azioni etf che sono quotati i dati quindi rivolgersi ad un iphone solo perché ha una remunerazione proporzionale come la richiesta che spesso ci viene fatta non è una buona soluzione 1 perchè molto probabilmente non hai il taglio minimo per poter accedere ad un ex fund che magari a soglie di 500mila euro in ingresso per poter accedere per poter investire 2 perché ci sono delle controindicazioni legate ai vincoli un ultimo aspetto che ti suggerisco valutare è il fatto che il consulente finanziario come dicevo prima è il marinaio della tua imbarcazione dove per imbarcazione si intende questa metafora i tuoi soldi quindi la sua etica e la sua professionalità devono essere tali da rispettare il tuo profilo di rischio quello che è dichiarato nel questionario di conseguenza anche la remunerazione non può essere proporzionata ai guadagni perché se tu cliente vieni da me e ai una bassa accettazione del rischio da cui deriva una remunerazione del capitale chiaramente più limitata non si capisce perché la remunerazione del consulente del tuo marinaio debba essere più bassa oppure l'esempio opposto se tu hai una alta accettazione del rischio e quindi da questo portafoglio ci si aspetta alti rendimenti non si capisce perché debba essere più alta la parcella del consulente ecco potrebbero crearsi degli scenari in cui il consulente ti spinge a prenderti più rischio perché vuole portare a casa una parcella più elevata quindi torniamo dentro al pericoloso problema del conflitto di interessi che è tipico della consulenza bancaria invece ragionare a servizio indipendentemente dai risultati e nell'esclusivo interesse del cliente perché io ti dedico del tempo ti dedico la mia professionalità ti aiuto a raggiungere un determinato l'obiettivo finanziario qualunque sia la tua accettazione del rischio e la remunerazione attesa dal tuo capitale perché il punto è sempre lo stesso il rischio lo prende il cliente e non è logico che qualcuno ti spinga a prenderti più rischio solo per guadagnare una commissione superiore o una parcella più alta nel caso della consulenza indipendente con questo video spero di averti spiegato perché l'idea di avere una parcella proporzionale ai rendimento del portafoglio ecco non è una buona idea perché c'è tutta una serie di controindicazioni legate al rapporto cliente consulente e al grado di rischio che il cliente solo decide di prendersi quindi come fare a districarsi in questo problema di pagare una parcella se non sei abituato a pagarla ecco il mio suggerimento è continuare la ricerca se stai guardando su questo video stai seguendo cp investa ti stai ti stai a culturando su argomenti di finanza personale ma stai anche conoscendo gip invest stai valutando se noi possiamo essere un valido partner e possiamo aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di investimento in questo canale ad oggi a oltre 100 video pubblicati ci sono centinaia di ore di video che puoi vedere per capire se noi siamo un buon partner e possiamo aiutarli a raggiungere i tuoi obiettivi devi fare lo stesso con le altre proposte che sono a disposizione nel mondo dei servizi finanziari poi mettere tutto su un tavolo valutare che cosa ti propone tizio gip investe o caio qualunque altro player tu stia valutando valutare le singole offerte il costo finale è capire se questo è un servizio che fa al caso tuo o meno.

 

Vuoi vedere un'intera lezione totalmente gratuita su questo argomento? Guarda il video: "Corso Come Diventare un Investitore Consapevole". Lo trovi alla pagina: https://www.gpinvest.it/investitore-consapevole

chiudi
chiudi